Posts Tagged ‘mostra’

Terrazza d’Autore 2017 – Programma

19510190_1908488556029360_4952046688701984170_n

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dal 25 Febbraio 2017 al 31 Dicembre 2017, .Museo “San Rocco” – Trapani

“GAT – Giovani Autori del Territorio”

Mostre di arte contemporanea, laboratori, workshop, promozione turistica del ..territorio in partenariato con l’associazione “Strade del Vino Erice DOC”

Per info: www.facebook.com/Gat.Trapani

I primi tre artisti che hanno esposto: Francesco Arecco, Marco La Rosa, Mattia Novello

A SETTEMBRE L’ULTIMA MOSTRA DEL PROGETTO GAT!!!

Per info: gat.trapani@gmail.com e museosanrocco@gmail.com

Scritto da il 15-06-2017 Commenti disabilitati su Terrazza d’Autore 2017 – Programma

17 aprile 2010. Vernissage della mostra “Rinascita 2010” di Angela Carrubba Pintaldi

Ad dominam per dominam. La condizione umana al femminile. Tre donne, tre sofferenze

Chiesa Sant’Alberto – Trapani

.

Su “Pianto di madre” (di Maria Pia Adamo)

Angela donna, Angela madre; sul filo di lama le due nature pronte a propendere dall’una o dall’altra parte nell’alterazione di un equilibrio che le vorrebbe stabili. Anni addietro, in una tragica occasione, l’equilibrio si è sensibilmente alterato e Angela madre ha prepotentemente superato l’altra natura, affidando ai colori e alle tele la possibilità di esorcizzare il suo dolore facendolo “precipitare” con i pigmenti che liberamente si depositavano su trame di tessuto. (altro…)

Scritto da il 19-04-2010 Commenti disabilitati su 17 aprile 2010. Vernissage della mostra “Rinascita 2010” di Angela Carrubba Pintaldi

27 marzo 2010. Vernissage della mostra “Tra terra e cielo” di Mirta De Simoni

Ad dominam per dominam. La condizione umana al femminile. Tre donne, tre sofferenze

Chiesa Sant’Alberto – Trapani

.

TRA TERRA E CIELO (di Marcello Farina)

È un bel titolo quello che Mirta De Simoni Lasta ha voluto dare alla sua personale. Dà subito l’impressione di un arcobaleno, di un ponte librato in aria, pronto a collegare insieme realtà molto diverse per consistenza e significato: il cielo, leggero e penetrabile con un volo che porta con sé aneliti, desideri, aspettative, ideali “alti”, capaci di vincere la pesantezza e la forza di gravità che ostacolano la salita; e la terra, che richiama alla concretezza degli eventi, alle scelte quotidiane, ai segni dei corpi delle donne e degli uomini, luoghi della fatica, dell’amore e del dolore insieme, recanti nel profondo la memoria che la vita non tralascia mai di sedimentare. (altro…)

Scritto da il 28-03-2010 Commenti disabilitati su 27 marzo 2010. Vernissage della mostra “Tra terra e cielo” di Mirta De Simoni

19 settembre 2009. Collettiva “Vaga-bon-dare”

ARTE AL CENTRO

Vaga-bon-dare

di Angelo Barone, Maurizio Cosua, Michelangelo Penso, Jano Sicura

19 settembre – 3 ottobre 2009, Chiesa di Sant’Alberto (via Garibaldi – Trapani)

Vaga-bon-dare è quello di Dino Campana, il poeta folle che ha vagabondato per mezzo mondo portandosi sempre addosso la sua follìa e la sua poesia, forse l’unico vero poeta “maledetto” della letteratura italiana, morto nel 1932 dopo 14 anni di manicomio, da alcuni conosciuto più per la sua passione per Sibilla Aleramo che per il suo capolavoro, i Canti Orfici. (altro…)

Scritto da il 19-09-2009 Commenti disabilitati su 19 settembre 2009. Collettiva “Vaga-bon-dare”

6 marzo 2009. Collettiva “Across the Cross”

Chiesa di S. Alberto
6 marzo – 6 settembre 2009

Scritto da il 06-03-2009 Commenti disabilitati su 6 marzo 2009. Collettiva “Across the Cross”

24 marzo 2007. Kazumi Kurihara. Prendere asilo nell’infinito

Quartopiano – Palazzo del Seminario
24 marzo – 24 aprile 2007

Scritto da il 24-03-2007 No Comments

29 agosto 2006. Vincenzo Lipari. Passi d’Oriente

Chiesa di S. Alberto
29 agosto – 4 settembre

2006

Scritto da il 29-08-2006 Commenti disabilitati su 29 agosto 2006. Vincenzo Lipari. Passi d’Oriente

Mario Cassisa. La Sicilia come labirinto della memoria

Arte al Centro

22 dicembre 2003
Personale di Mario Cassisa
Trapani – Chiesa di Sant’Alberto


4

 

 

Scritto da il 23-12-2003 Commenti disabilitati su Mario Cassisa. La Sicilia come labirinto della memoria

10 marzo 2001. Collettiva “L’estro di Dio”. Primo nucleo della Di.ART

Fede religiosa ed espressione artistica  sono due costanti delle culture umane che perennemente si intrecciano. Anche la fede cristiana, fin dal suo nascere, ha intrapreso  la via dell’arte per esprimere i propri contenuti, i propri valori e la forza dei suoi riti. Un Concilio (il Niceno II del 787), ponendo fine al furore iconoclasta, ha sancito l’importanza dogmatica dell’icona e ha fatto dell’arte iconografica un ministero ecclesiale. In Occidente la Chiesa, a partire da Giotto, ha lasciato che gli artisti si esprimessero anche al di fuori dei moduli iconografici richiesti da quel Concilio e gli artisti, con maggiore o minore adesione del cuore, hanno trovato nelle immagini della Storia Sacra la possibilità di affermare la loro sensibilità e il loro valore. Il Novecento ha riflettuto sul valore spirituale dell’arte, ma ha inteso per “spirituale” la libera espressione dell’interiorità dell’artista senza i vincoli della committenza. Questo non ha sottratto il vero artista dall’obbedienza alla sua arte, ché anzi in maniera più inestricabile verità dell’artista e verità della sua arte sono state considerate condizioni necessarie per la sua credibilità. Pensiamo alla fragile compassione umana di Van Gogh, alla consacrazione celibataria di Gaudì, alla caparbietà incompresa di Cèzanne, alla religiosa violenza del colore di Rouault, allo scetticismo metafisico di De Chirico, alla fedeltà impressionista di Monet, al fuoco erotico di Klimt, alla sofferenza materica di Burri o alla solitudine cromatica di Rothko, solo per fare alcuni esempi. Questo carattere fortemente personale della vocazione artistica ha portato, é vero, ad una crisi espressiva dell’arte cristiana; e già i Papi Paolo VI, e recentemente Giovanni Paolo II, sono intervenuti per evidenziarlo. Ma ogni crisi é salutare. La Chiesa é oggi più consapevole della “vocazione” personale dell’artista. Gli artisti dal canto loro hanno continuato ad trarre ispirazione dalla vicenda storico-cherigmatica di Cristo per il suo valore di paradigma universale e sono più attenti ai contenuti  teologici di cui la Chiesa é depositaria. Il dialogo é riaperto. E siamo contenti di manifestarne, nel piccolo della nostra realtà, un segno concreto. L’Accademia delle Belle Arti di Palermo, infatti, per gentile disponibilità del suo Direttore Stefano Lo Presti,  fa dono al nostro Seminario di 14 grandi Tavole a soggetto sacro, nate dal lavoro accademico guidato dal professore Franco Nocera; esse vengono messe in mostra nell’ambito della Giornata del Seminario di quest’anno 2001. Questo avvenimento corona un anno di lavoro sui temi dell’arte svolti nel nostro Seminario dal professore e amico pittore Antonino Pedone secondo  l’invito dei Vescovi Italiani, formulato già nel 1992,  con la loro Lettera sulla formazione artistica nei Seminari.

Don Liborio Palmeri

Questo scritto ha accompagnato il volantino con il programma della Giornata del Seminario 2001, introdotta, il sabato precedente (10 marzo), da due piccoli (grandi) eventi:

Dalle ore 8.30 alle 14.00 l’estemporanea di Pittura per allievi del Liceo Artistico di Trapani sul tema: “Laudato sie, mi’ Signore, cum tucte le tue creature”, tratto dal Cantico di frate sole di San Francesco d’Assisi. Alle ore 16.30 l’apertura della Mostra  “L’estro di Dio”, con le grandi tavole a soggetto sacro, donate dall’Accademia delle Belle Arti di Palermo al Seminario Vescovile di Trapani per la costituenda Galleria di Arte Religiosa Contemporanea. Nell’occasione é stata tenuta una conversazione con i giovani sul rapporto tra Arte e Fede, guidata dal professore Franco Nocera, titolare della cattedra di Pittura dell’Accademia e Vice Direttore del Corso di Laurea “Arte Sacra Contemporanea”.

Questi due momenti segnano l’inizio del rapporto con le scuole e determinano la nascita di quel primo nucleo di opere che, nell’arco di tre anni, ha prodotto la Collezione Di.ART, inaugurata il 17 aprile del 2004 dal Direttore dei Musei della Città del Vaticano, dott. Francesco Buranelli.

Scritto da il 10-03-2001 Commenti disabilitati su 10 marzo 2001. Collettiva “L’estro di Dio”. Primo nucleo della Di.ART

19 marzo 2000. Antonino Pedone. Nostri corpi d’anima

E’ la prima mostra personale entrata nel Palazzo del seminario, in occasione della Giornata del Seminario, subito dopo il Giubileo degli artisti. Allestita nella Cappella del seminario Maria SS. degli Apostoli, in maniera rudimentale, con  i quadri a terra avvolti in stoffe rosse, costituisce il primo momento in cui l’idea di un progetto culturale legato alla sede del seminario ha preso forma e visibilità. Da questa mostra, accompagnata da un’altra di foto e disegni di bambini (dal titolo “Lo stupore di guardarmi intorno”), è partita un’avventura meravigliosa, concretizzata dalla costituzione della Fondazione Pasqua2000, oggi ricca di tanti anni di esperienza e di momenti esaltanti, quali l’inaugurazione di una Collezione permanente d’arte contemporanea (la Di.ART) e l’apertura di una Biblioteca (Giovanni Biagio Amico) con una sezione dedicata ai bambini e ai ragazzi (Il piccolo Principe). Il 19 marzo è la festa di san Giuseppe. Non è certo un caso che il Vescovo, mons. Francesco Miccichè, e il rettore del seminario allora in carica, padre Liborio Palmeri, con l’accordo dei seminaristi e dell’intera Chiesa diocesana, abbiano voluto eleggere Giuseppe di Nazareth a patrono protettore di tutto il Seminario

Scritto da il 19-03-2000 No Comments